Bari BA - 70124 - Via Monte Grappa, 137 0808415075 3519422294 - agenziapugliacauzioni@gmail.com - luigibarnaba@gmail.com

Appalti: garanzia provvisoria prestata mediante un bid bond

È illegittima l’esclusione da una gara d’appalto in quanto l’offerta non risulta corredata da una valida garanzia provvisoria e da una valida dichiarazione di impegno alla costituzione della garanzia definitiva, in presenza di una garanzia presentata nella forma del bid bond emesso da primario gruppo bancario. Il bid bond è una garanzia bancaria a “prima domanda”, costituente un contratto da cui deriva un impegno autonomo a garanzia della serietà dell’offerta, con il quale la stessa banca emittente si impegna nei confronti della stazione appaltante in caso di inadempimento della ditta concorrente.

 

Si tratta di una figura che presenta tutte le caratteristiche del contratto autonomo di garanzia e che corrisponde alle caratteristiche ed ai criteri individuati nella pubblicazione n. 758 del 2010 della Camera di Commercio Internazionale di Parigi “Uniform Rules for Demand Guarantees” (URDG), tale da renderlo forma di garanzia alternativa al deposito cauzionale ammessa quanto meno alla stregua di uso negoziale. Inoltre, il bid bond comprende in sé anche l’impegno a prestare la garanzia a copertura della cauzione definitiva in caso di aggiudicazione del contratto, implicando la garanzia complessiva del “buon fine dell’operazione sottostante”, cioè l’aggiudicazione e l’esecuzione del contratto. L’erronea modalità di presentazione della cauzione provvisoria, ove pure dia luogo alla invalidità della cauzione, non costituisce causa di esclusione dalla procedura di gara, ma mera irregolarità sanabile attraverso il soccorso istruttorio.

 

Sentenza del Consiglio di Stato scaricabile in allegato.

Consiglio di Stato
Sentenza n. 5710 del 3 agosto 2021
Consiglio di Stato - sentenza n. 5710 del 3 agosto 2021.pdf [209.53 KB]
Download